Ordini Telefonici 06.69357264 - Spedizioni nazionali gratuite oltre i 69 € - Spedizioni Internazionali gratuite sopra i 149 €

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Vitamina D tossica? In due ore di Sole ne produci quasi la Metà della dose Medica mensile. E non succede Nulla.

27/02/2018

Perchè la presunta pericolosità di questa sostanza è un puro Film fantasy. Tipo il Trono di Spade. 

Tutti i dati che distruggono le leggende (medico-mediovali) su questa vitamina straordinaria. 

E basta una banale applicazione del vostro smartphone per scoprire gli altarini dei medici...


​Ogni volta è la stessa storia. 

Vai dal medico per chiedere di prescriverti la Vitamina D e la risposta è quasi sempre la stessa: “Attenzione che è tossica”. 

Questo sempre che te la prescriva e non si opponga con farneticazioni assortite sull’ inutilità della vitamina del sole e che “bastano 20 minuti con le braccia scoperte”. 

Questo succede purtroppo nel 90% dei casi. 

E se il medico non si oppone c’è sempre qualche ottimo farmacista ("difesa a due", tipo nel calcio), che dopo aver dato senza fiatare cortisone, antibiotici  e chemioterapici al cliente precedente, inizia il pippone sulla pericolosità della vitamina D paragonabile ad un misto tra antrace, ebola, vaiolo, zanzara malarica e peste bubbonica del 1630. 

Tralasciamo, per ora, il fatto che trovare nel mondo un' intossicazione dovuta a questa vitamina è più rara di una vittoria in Champions della Juventus.

Per dimostrarlo (qualora ce ne fosse bisogno) basta utilizzare una semplice applicazione gratuita per smartphone chiamata DMINDER, capace di calcolare le unità internazionali di vitamina D assorbite, calcolando il posto dove vi trovate, come siete vestiti, ecc.

Adesso tenete in mente che la maggioranza dei vostri medici vi avrà prescritto (sempre che lo abbia fatto) una dose media di 25.000 UI al mese. 

Quando va bene. 

Perchè, ricordiamolo sempre, la Vitamina D per i medici e farmacisti è una delle sostanze più pericolose delle terra dopo l’ uranio arricchito della Corea del Nord. 

Ad agosto sono andato in piscina a Roma (calcolando cosi l’ intensità del sole a seconda della latitudine) e ho impostato DMINDER con il 70% di pelle esposta (costume lungo alle ginocchia), mi sono sdraiato sul lettino e ho fatto partire il timer. 

Questo è stato il risultato: 

Foto
​Quindi in circa due ore la pelle ha assorbito 9477 Unità Internazioni di Vitamina D, perchè in quella zona e a quell’ora il sole fa produrre circa 78 UI al minuto con un pelle bianca come la mia.

In pratica si possono raggiungere 10.000 UI, cioè la dose che tutti gli studi internazionali consigliano per avere una buona salute e per combattere le malattie autoimmuni, tumori, ecc. in sole (è proprio il caso di dirlo...) due ore e 15 minuti di normalissima esposizione solare. 

Che ovviamente il 90% medici della mutua alla Alberto Sordi ti sconsigliano di fare "perchè fanno venire i tumori alla pelle e invecchiano"

Adesso, poniamo il caso che uno prenda normalissime (e mi tengo basso) 4 ore di sole al giorno, raggiungerà 18.720 UI al giorno. 

Foto
Se il giorno stesso mi allungo di un altra ora e mezza prendo altri 7020 UI e ovviamente stessa cosa se lo faccio anche il giorno dopo. 

Insomma in un giorno, massimo un giorno e mezzo, la pelle produce tramite i raggi solari 25.740 UI, cioè più della dose “giusta” mensile del vostro medico che serve a evitare gli agghiaccianti “effetti collaterali” della vitamina D. 

Ora, qualcuno dovrebbe spiegarmi come facciamo a non morire tutti a fine agosto, dopo magari un’ estate passata a prendere il sole, quando il livello delle unità internazionali prodotte dalla nostra pelle saranno a livello di MILIONI. 

Ed è inspiegabile come non si siano ancora estinti i poveri africani tutto il giorno nudi al sole, con un livello medio di vitamina D nel sangue di 110 ng/ml rispetto al 15/20 degli occidentali. 

Si si, lo so la favoletta che vi raccontano alcuni medici del catasto: “Ma con il sole è diverso, la vitamina D assunta oralmente deve passare per il fegato e qui si rischia l’ accumulo”

Si vede che negli uffici del catasto, dove credono di lavorare, non gli spiegano (assieme a tante altre cose) la fisiologia della vitamina D.

Come si può vedere da questa immagine, anche la vitamina D passa per fegato (per poi confluire anche ai reni), proveniente dai precursori della Vitamina D che sono nella nostra pelle, quindi anche questa scusa è veramente assurda. 

Foto
​Ma non paghi, alcuni medici sparano l’ ultimo, apocalittico, anatema.

La vitamina D provoca calcoli renali.

Alcuni medici medioevali si basano sull' assunto che la vitamina D è coinvolta con l'assorbimento del calcio, quindi tale minerale può aumentare il rischio di calcoli renali.

In effetti, sembra suonare bene. 

Ma non è cosi. Anzi. 

Due recenti studi hanno trovato esattamente l'opposto; cioè più basso è il 25 (OH) D (cioè la forma di vitamina D presente nel sangue), maggiore è il rischio di calcoli renali.(1-2) 

Nel gennaio del 2016, il Dr. Ticinesi e coll. hanno studiato 884 soggetti con calcoli renali e 967 controlli.

Essi hanno scoperto che la prevalenza di carenza di vitamina D (<20 ng / ml) è stata del 56% nei soggetti con calcoli renali e nel 44% nei controlli (P <.001), con una media di vitamina D di 18 ng / mL rispetto a 23 ng / mL dei controlli senza calcoli. 

In pratica, i soggetti con carenza di vitamina D avevano più di due volte la probabilità di sviluppare un calcolo renale.

Nel mese di aprile del 2016, il Dr. Girón-Prieto e colleghi hanno fatto un studio su 366 soggetti, 239 dei quali avevano una storia di calcoli renali.

Anche questo gruppo di studio ha scoperto che le persone con bassi livelli di D 25 (OH) hanno più probabilità di sviluppare calcoli renali.

Una rara possibilità che possa accadere riguarda solo i soggetti che hanno una carenza di vitamina K2, una sostanza che attiva il MGP, una proteina che aiuta il calcio a dirigersi ai luoghi desiderabili (osso) e tenerlo invece lontano dai luoghi indesiderati (arterie).

In pratica la temuta ipercalcemia da vitamina D diminuirebbe se nel contempo si combinasse una supplementazione di vitamina K2 e quindi l' effetto sinergico delle due sostanze sulla salute sarebbe amplificato in maniera ottimale.

Quindi, se venisse consigliato, l’ abbinamento alte dosi di vitamina D + Vitamina K2 sarebbe assolutamente sicuro. 

Ma ovviamente, non è cosi perchè il tuo medico, al 90%, non sa nulla di tutto questo perchè non si aggiorna. Forse gioca a calcetto con il farmacista.... 

E quindi, anche la storia della vitamina D che causerebbe calcoli renali non ha nessun fondamento, semplicemente perchè non è cosi. 

Anzi l' opposto.

Insomma vi ho dimostrato, dati e prove alla mano, che la vitamina D è una molecola assolutamente sicura, tant’è è vero che non sapete nemmeno di produrla in maniera industriale specialmente in estate e non vi succede assolutamente nulla. 

E d' inverno? Ovviamente tappati in casa e negli uffici, con vestiti che impediscono i raggi solari di colpire la vostra pelle, la vostra Vitamina D a novembre-dicembre sarà già finita. E la dose medico-medioevale sarà totalmente inutile. 

Dite quindi al vostro dottore che 25.000 UI di vitamina D ve la siete presa a Positano giocando  a racchettoni in spiaggia in un pomeriggio e siete ancora vivo. 

Alla faccia sua.  

Claudio Tozzi

 

Bibliografia:

(1) Girón-Prieto MS, et al. Analysis of vitamin D deficiency in calcium stone-forming patients. Int Urol Nephrol. 2016 Apr 19. [Epub ahead of print]

(2) 
Ticinesi A, et al. Idiopathic Calcium Nephrolithiasis and Hypovitaminosis D: A Case-control Study. Urology. 2016 Jan;87:40-5.

L' unica Vitamina D in Olio Extra Vergine di Oliva Biologico italiano---->QUI

Foto​​​​​​​
#integratori #vitaminad3 #geopaleodiet

Ultime notizie dal blog