Spedizione gratis a partire da 99€*
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

La vitamina K2 ad alto dosaggio Ricostruisce le Ossa

05/03/2021

Studi sull'uomo mostrano che 45 mcg al giorno di vitamina K2 aumentano la densità ossea e riducono l'incidenza di fratture.

L'osteoporosi è sorprendentemente comune negli uomini e nelle donne. Questa patologia colpisce 4,5 milioni di persone in Italia, 2 su 3 sono donne, costrette a fare i conti con ossa fragili e rischio frattura: si stima che dopo i 50 anni, 1 donna su 3 e 1 uomo su 5 vadano incontro a una frattura. Il problema è acuito da forti ritardi nella diagnosi e da cure inadeguate per l'80% dei pazienti. Inoltre, un paziente su 2 abbandona le terapie entro un anno. Negli USA circa il 50% delle donne e il 25% degli uomini di età pari o superiore a 50 anni subiranno una frattura a causa di questa condizione. 1 Queste rotture ossee sono una delle principali cause di disabilità. Entro un anno dalla frattura dell'anca, fino al 20% dei pazienti sopra i 50 anni morirà . 2 Per decenni, i medici in Giappone hanno utilizzato alte dosi di vitamina K2 come farmaco da prescrizione per prevenire la perdita ossea e proteggere dalle fratture . 3 È ora disponibile in Italia senza prescrizione medica. Studi clinici hanno dimostrato che 45 mcg di vitamina K2 aiuta a: (4-11)
  • rallentare le lenta perdita ossea
  • Ridurre il rischio di fratture
  • Costruire nuove ossa.
Uno studio di due anni di pazienti con osteoporosi anziani ha mostrato che la vitamina ad alte dosi K2 tagliare il numero di persone che soffrono di un vertebrale frattura della metà . 11 Il pericolo di osteoporosi L'osteoporosi è una condizione che rende le ossa deboli, fragili e soggette a fratture . Dopo aver subito una frattura, il rischio di rotture future aumenta dell'86% . 2 Le fratture dell'anca e della vertebra sono particolarmente associate alla perdita di mobilità e al rischio di morte. Le persone che subiscono una frattura vertebrale hanno un aumento di otto volte della mortalità rispetto ad altri individui della loro età. 2 Ma quasi ogni tipo di osso rotto aumenta il rischio di morte nelle persone anziane. 12 Ecco perché è imperativo non solo rallentare, ma anche invertire la perdita ossea non appena inizia a prendere piede. Osteoporosi causata da farmaci • NCF
Confrontando le immagini sinistra (normale) e destra (osteoporosi), l'aumento delle aree scure che coinvolgono questa sezione trasversale del femore sono rappresentazioni visive semplificate dell'aumento del grasso del midollo osseo e dell'assottigliamento (diminuzione) dell'osso spongioso / trabecolare, che si verificano con l'osteoporosi.

Come avviene la perdita ossea

Il corpo distrugge costantemente il vecchio osso e costruisce nuovo osso. Nei primi decenni di vita, la densità ossea aumenta. Poi si stabilizza per circa altri due decenni. Intorno ai 40 anni, la densità ossea inizia a diminuire . Nelle donne, la velocità della perdita ossea accelera con l'inizio della menopausa. Questo calo della densità minerale ossea porta a una riduzione della resistenza ossea. Le ossa diventano fragili e soggette a fratture , anche a causa di lesioni minori e fratture da stress che si verificano durante il normale movimento. L'osteopenia è il termine per la fase iniziale dell'indebolimento delle ossa. Se non viene intrapresa alcuna azione e la densità ossea continua a diminuire, si sviluppa l' osteoporosi . Osteoporosi significa " osso pieno di pori o buchi ". La maggior parte delle persone che soffrono di osteopenia o osteoporosi non se ne accorge fino a quando non è troppo tardi, quando subiscono una frattura .

COSA HAI BISOGNO DI SAPERE

Migliore salute delle ossa con vitamina K2 ad alto dosaggio

  • L'osteoporosi provoca perdita ossea e aumenta il rischio di gravi fratture . Nelle persone sopra i 50 anni, queste fratture rappresentano un rischio di mortalità significativo.
  • La vitamina K2 ad alto dosaggio è stata utilizzata in Giappone per decenni come trattamento per l'osteoporosi.
  • Studi sull'uomo hanno dimostrato che l'assunzione giornaliera di 45 mg di vitamina K2 mantiene o aumenta la densità ossea e riduce il rischio di fratture.
  • Altre vitamine e minerali, tra cui calcio e vitamina D3, supportano anche la salute delle ossa e aiutano a massimizzare i benefici della vitamina K2.

Vitamina K2 ad alto dosaggio

 
La buona notizia: c'è qualcosa che possiamo fare per la perdita ossea legata all'età e il rischio di fratture. A basse dosi di 45-60 mcg , la vitamina K favorisce la normale coagulazione del sangue. Questa piccola quantità di vitamina K è normalmente ottenuta da fonti alimentari. I medici giapponesi prescrivono da tempo dosi molto più elevate di una forma specifica di vitamina K2 come trattamento per l' osteoporosi . 3 Hanno accumulato decenni di prove che 45 mg ( 45.000 mcg ) di vitamina K2 sotto forma di menachinone-7 (MK-7) portano a miglioramenti nella salute delle ossa. 3 Ora gli scienziati hanno confermato che l'assunzione orale di alte dosi di vitamina K2 è fondamentale per la forza ossea e altri aspetti dell'invecchiamento sano.

Densità ossea aumentata

Studi sull'uomo hanno dimostrato che la vitamina K2 mantiene o addirittura aumenta la densità minerale ossea. Aiuta anche a prevenire le fratture, anche nei pazienti più anziani che hanno già sviluppato l' osteoporosi . 4-11 In uno di questi studi, i ricercatori giapponesi hanno randomizzato (cioè assegnato a caso) i pazienti più anziani con osteoporosi in due gruppi. Uno ha ricevuto 150 mg / die di calcio da solo. L'altro ha ricevuto la stessa modesta dose di calcio più 45 mg di vitamina K2 al giorno. 11 In un periodo di due anni : 11
  • I pazienti che hanno ricevuto solo calcio hanno continuato a perdere densità ossea , diminuendola di circa il 3% .
  • I pazienti che ricevevano vitamina K2 in aggiunta al calcio hanno mantenuto in gran parte la loro densità minerale ossea.
Un calo del 10% della densità ossea più che raddoppia il rischio di fratture delle vertebre e dell'anca. 13 Ciò suggerisce che i pazienti in questo studio che sono stati trattati solo con calcio possono avere un aumentato rischio di frattura . Ma l'aggiunta di vitamina K2 al calcio ha in gran parte arrestato la perdita ossea, forse prevenendo un aumento del rischio di fratture. 11 I pazienti che hanno ricevuto K2 hanno anche avuto un aumento significativo dei livelli di osteocalcina attiva . 11 Questa proteina lega il calcio alle ossa, aiutando il corpo a trasformare il calcio in nuovo osso sano . 14

FARMACI CHE PROMUOVONO L'OSTEOPOROSI

Molti farmaci comuni possono contribuire alla perdita ossea e al rischio di osteoporosi, tra cui:
  • Farmaci contro il cancro che inibiscono gli ormoni sessuali. Questi includono terapie anti-androgeni (che riducono i livelli di testosterone) e inibitori dell'aromatasi (che riducono l'attività degli estrogeni). 36,37
  • Corticosteroidi come prednisone, idrocortisone, desametasone e molti altri. 38,39
  • Warfarin (Coumadin ® ), usato per trattare i coaguli di sangue. 40-42
  • Inibitori della pompa protonica utilizzati per ridurre l'acidità di stomaco, tra cui Nexium ® , Prilosec ® , e Prevacid ® . 43
Nessuno dovrebbe interrompere l'assunzione di questi farmaci se non indicato dal proprio medico. Ma le persone che usano uno di questi farmaci potrebbero voler monitorare attentamente il loro stato minerale osseo.

Prevenire le fratture

 
Nello stesso studio, gli scienziati hanno valutato l'effetto della vitamina K2 sull'incidenza delle fratture ossee . Durante lo studio di due anni, il gruppo che ha ricevuto il solo calcio ha subito 35 fratture , rispetto alle sole 14 fratture nel gruppo vitamina K2 . 11 In un altro studio clinico giapponese, gli scienziati hanno valutato l'effetto della vitamina K2 sulle donne con osteoporosi . 6 Assunzione giornaliera di 45 mg di vitamina K2 per via orale : 6
  • Ha mantenuto la densità minerale in misura significativamente maggiore rispetto al gruppo non trattato, e
  • Ridotta l'incidenza delle fratture vertebrali a un livello simile al farmaco etidronato .
L'etidronato (più comunemente venduto come Didronel ® ) appartiene alla classe di farmaci noti come bisfosfonati . È usato per trattare la malattia di Paget , una condizione caratterizzata da ossa morbide, deboli o facilmente fragili. A volte è usato per trattare l'osteoporosi, ma i suoi effetti collaterali possono includere nausea, diarrea, bruciore di stomaco, dolore al petto e vesciche cutanee. 15 La vitamina K2, invece, non è associata a effetti collaterali significativi.

BENEFICI PER IL CUORE DELLA VITAMINA K2

La vitamina K2 promuove la nuova crescita ossea in parte aumentando la calcificazione , l'accumulo di depositi di calcio nell'osso . Nei tessuti molli , la calcificazione può essere pericolosa. Nei vasi sanguigni, ad esempio, porta all'accumulo di placca aterosclerotica associata a malattie cardiovascolari . La ricerca ha dimostrato che mentre la vitamina K2 causa una calcificazione benefica nelle ossa, previene la calcificazione dannosa nei tessuti molli, compresi i vasi sanguigni. 44,45 Ciò si verifica perché attiva la proteina matrice Gla , che inibisce la calcificazione dei vasi sanguigni. Per questo motivo, la vitamina K2 può essere protettiva contro le malattie cardiovascolari. 46 Chiunque prenda warfarin , un potente anticoagulante, dovrebbe consultare un medico prima di decidere di assumere qualsiasi forma di vitamina K. Il warfarin funziona bloccando l'attività della vitamina K nel corpo. A coloro che assumono warfarin viene detto di limitare l'assunzione di vitamina K anche da verdure sane. Farmaci più recenti come Eliquis ® , Pradaxa ® e Xarelto ® forniscono effetti anticoagulanti senza la necessità di limitare l'assunzione di vitamina K.

Come la vitamina K2 mantiene le ossa forti

La vitamina K2 agisce ripristinando un sano equilibrio tra i due tipi di cellule ossee che influenzano la densità ossea : osteoclasti e osteoblasti. Gli Osteoclasti rompono il vecchio osso, mentre gli Osteoblasti costruiscono nuovo osso. Un osso sano si basa su un equilibrio di attività tra questi due tipi di cellule. L'invecchiamento sconvolge questo delicato equilibrio. L' attività degli osteoclasti sorpassano quella dell'osteoblasti. L'osso viene scomposto più velocemente di quanto ne venga costruito nuovo osso. La densità ossea diminuisce e ne risultano osteopenia e osteoporosi . La vitamina K2 ha dimostrato, in studi preclinici, di promuovere: 14,16
  • Un aumento dell'attività degli osteoblasti di costruzione ossea e
  • Una riduzione dell'attività degli osteoclasti che distruggono l' osso .
Con questo equilibrio ripristinato, più osso viene costruito, meno viene distrutto e la densità minerale ossea viene mantenuta o aumentata. Inoltre, per deporre nuovo tessuto osseo, gli osteoblasti hanno bisogno della proteina osteocalcina . La vitamina K2 aiuta a convertire l'osteocalcina nella sua forma attiva . 14,17

Nutrienti che supportano la vitamina K2

Gli effetti di ricostruzione ossea della vitamina K2 sono ancora maggiori se supportati da molti altri nutrienti . Le seguenti vitamine e minerali supportano ossa forti e sane:
  • Il calcio è il principale minerale che forma la matrice dura dell'osso. La maggior parte degli studi mostra che il calcio orale diminuisce la velocità con cui si verificano la disgregazione ossea e la perdita di minerali. 18-20
  • La vitamina D aiuta ad assorbire il calcio dall'intestino dopo un pasto e stimola la produzione di osteocalcina . 17 Facilita anche il trasferimento del calcio dal sangue e altri fluidi extracellulari alla superficie delle ossa, dove le rende più forti e meno soggette a rotture. 21 La vitamina D aiuta il corpo ad assorbire anche gli oligoelementi che rinforzano l'osso, zinco e manganese. 22,23
  • Il magnesio, come il calcio, costituisce la matrice minerale dell'osso ed è necessario per mantenere una densità ossea sana. 24
  • Zinco, Manganese, Silicio e Boro . Questi minerali hanno dimostrato di essere importanti per la formazione ossea e la salute ottimali. Un basso apporto di ciascuno di questi minerali è associato alla perdita ossea e un maggiore apporto migliora la salute delle ossa negli animali e negli esseri umani. 25-35
Supportata da questi nutrienti, la vitamina K2 può fornire una potente protezione contro le fratture e la perdita ossea.

Combinazione di vitamina K2 con farmaci per l'osteoporosi

I bifosfonati sono un gruppo di farmaci prescritti per rallentare la perdita ossea dell'osteoporosi. Includono etidronato (Didronel®), alendronato (Fosamax®), risedronato (Actonel®) e altri. La ricerca mostra che la vitamina K2 non interferisce con i bifosfonati e può essere tranquillamente utilizzata allo stesso tempo. Alcuni dati suggeriscono che potrebbero avere un effetto additivo . Ciò significa che possono proteggere la densità ossea meglio insieme di quanto non facciano da soli. 47

Sommario

La perdita ossea correlata all'età e l' osteoporosi portano a frequenti fratture nelle persone sopra i 50 anni. La vitamina K2 ad alte dosi può aiutare. Migliora la salute delle ossa ripristinando l'equilibrio nel processo di decomposizione e formazione delle ossa. I medici giapponesi lo prescrivono da decenni per curare l'osteoporosi. Il Burro Ghee grass fed contiene buone quantità di vitamina K2. Gli studi sull'uomo dimostrano che un'assunzione giornaliera minimo di 45 mcg (200 mcg vanno ancora meglio)di vitamina K2 mantiene o aumenta la densità minerale ossea e riduce il rischio di fratture . In caso di domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiamare uno specialista del benessere GeoPaleDiet  al numero Tel 06 6935 7264 oppure vai in chat su questo in sito con la casella che trovi qui sotto a destra. 

Acquista la vitamina K2-MK7 senza soia, senza glutine e lattosio >>>QUI

---------------------------------------------------------------

 

Bibliografia

  1. Available at: https://www.nof.org/patients/what-is-osteoporosis/. Accessed October 5, 2020.
  2. Available at: https://www.osteoporosis.foundation/facts-statistics/epidemiology-of-osteoporosis-and-fragility-fractures. Accessed July 7, 2020,
  3. Iwamoto J. Vitamin K(2) therapy for postmenopausal osteoporosis. Nutrients. 2014 May 16;6(5):1971-80.
  4. Binkley N, Harke J, Krueger D, et al. Vitamin K treatment reduces undercarboxylated osteocalcin but does not alter bone turnover, density, or geometry in healthy postmenopausal North American women. J Bone Miner Res. 2009 Jun;24(6):983-91.
  5. Iwamoto J, Takeda T, Ichimura S. Effect of combined administration of vitamin D3 and vitamin K2 on bone mineral density of the lumbar spine in postmenopausal women with osteoporosis. J Orthop Sci. 2000;5(6):546-51.
  6. Iwamoto J, Takeda T, Ichimura S. Effect of menatetrenone on bone mineral density and incidence of vertebral fractures in postmenopausal women with osteoporosis: a comparison with the effect of etidronate. J Orthop Sci. 2001;6(6):487-92.
  7. Jiang Y, Zhang ZL, Zhang ZL, et al. Menatetrenone versus alfacalcidol in the treatment of Chinese postmenopausal women with osteoporosis: a multicenter, randomized, double-blinded, double-dummy, positive drug-controlled clinical trial. Clin Interv Aging. 2014;9:121-7.
  8. Purwosunu Y, Muharram, Rachman IA, et al. Vitamin K2 treatment for postmenopausal osteoporosis in Indonesia. J Obstet Gynaecol Res. 2006 Apr;32(2):230-4.
  9. Takahashi M, Naitou K, Ohishi T, et al. Effect of vitamin K and/or D on undercarboxylated and intact osteocalcin in osteoporotic patients with vertebral or hip fractures. Clin Endocrinol (Oxf). 2001 Feb;54(2):219-24.
  10. Ushiroyama T, Ikeda A, Ueki M. Effect of continuous combined therapy with vitamin K(2) and vitamin D(3) on bone mineral density and coagulofibrinolysis function in postmenopausal women. Maturitas. 2002 Mar 25;41(3):211-21.
  11. Shiraki M, Shiraki Y, Aoki C, et al. Vitamin K2 (menatetrenone) effectively prevents fractures and sustains lumbar bone mineral density in osteoporosis. J Bone Miner Res. 2000 Mar;15(3):515-21.
  12. Tran T, Bliuc D, Hansen L, et al. Persistence of Excess Mortality Following Individual Nonhip Fractures: A Relative Survival Analysis. J Clin Endocrinol Metab. 2018 Sep 1;103(9):3205-14.
  13. Available at: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK45525/. Accessed September 28, 2020.
  14. Palermo A, Tuccinardi D, D’Onofrio L, et al. Vitamin K and osteoporosis: Myth or reality? Metabolism. 2017 May;70:57-71.
  15. Available at: https://medlineplus.gov/druginfo/meds/a682581.html#side-effects. Accessed November 5, 2020.
  16. Akbari S, Rasouli-Ghahroudi AA. Vitamin K and Bone Metabolism: A Review of the Latest Evidence in Preclinical Studies. Biomed Res Int. 2018;2018:4629383.
  17. van Ballegooijen AJ, Pilz S, Tomaschitz A, et al. The Synergistic Interplay between Vitamins D and K for Bone and Cardiovascular Health: A Narrative Review. Int J Endocrinol. 2017;2017:7454376.
  18. Straub DA. Calcium supplementation in clinical practice: a review of forms, doses, and indications. Nutr Clin Pract. 2007 Jun;22(3): 286-96.
  19. Bischoff-Ferrari HA, Rees JR, Grau MV, et al. Effect of calcium supplementation on fracture risk: a double-blind randomized controlled trial. Am J Clin Nutr. 2008 Jun;87(6):1945-51.
  20. Kalluru R, Ames R, Mason B, et al. Bone density in healthy men after cessation of calcium supplements: 20-month follow-up of a randomized controlled trial. Osteoporos Int. 2015 Jan;26(1):173-8.
  21. Schild A, Herter-Aeberli I, Fattinger K, et al. Oral Vitamin D Supplements Increase Serum 25-Hydroxyvitamin D in Postmenopausal Women and Reduce Bone Calcium Flux Measured by 41Ca Skeletal Labeling. J Nutr. 2015 Oct;145(10):2333-40.
  22. Claro da Silva T, Hiller C, Gai Z, et al. Vitamin D3 transactivates the zinc and manganese transporter SLC30A10 via the Vitamin D receptor. J Steroid Biochem Mol Biol. 2016 Oct;163:77-87.
  23. Newmark HL, Heaney RP, Lachance PA. Should calcium and vitamin D be added to the current enrichment program for cereal-grain products? Am J Clin Nutr. 2004 Aug;80(2):264-70.
  24. Matsuzaki H. [Prevention of osteoporosis by foods and dietary supplements. Magnesium and bone metabolism]. Clin Calcium. 2006 Oct;16(10):1655-60.
  25. Aydin H, Deyneli O, Yavuz D, et al. Short-term oral magnesium supplementation suppresses bone turnover in postmenopausal osteoporotic women. Biol Trace Elem Res. 2010 Feb;133(2):136-43.
  26. Bae YJ, Kim JY, Choi MK, et al. Short-term administration of water-soluble silicon improves mineral density of the femur and tibia in ovariectomized rats. Biol Trace Elem Res. 2008 Aug;124(2):157-63.
  27. Dimai HP, Porta S, Wirnsberger G, et al. Daily oral magnesium supplementation suppresses bone turnover in young adult males. J Clin Endocrinol Metab. 1998 Aug;83(8):2742-8.
  28. Hyun TH, Barrett-Connor E, Milne DB. Zinc intakes and plasma concentrations in men with osteoporosis: the Rancho Bernardo Study. Am J Clin Nutr. 2004 Sep;80(3):715-21.
  29. Kim MH, Bae YJ, Choi MK, et al. Silicon supplementation improves the bone mineral density of calcium-deficient ovariectomized rats by reducing bone resorption. Biol Trace Elem Res. 2009 Jun;128(3):239-47.
  30. Nielsen FH. Studies on the relationship between boron and magnesium which possibly affects the formation and maintenance of bones. Magnes Trace Elem. 1990;9(2):61-9.
  31. Nielsen FH, Lukaski HC, Johnson LK, et al. Reported zinc, but not copper, intakes influence whole-body bone density, mineral content and T score responses to zinc and copper supplementation in healthy postmenopausal women. Br J Nutr. 2011 Dec;106(12):1872-9.
  32. Rico H, Gallego-Lago JL, Hernandez ER, et al. Effect of silicon supplement on osteopenia induced by ovariectomy in rats. Calcif Tissue Int. 2000 Jan;66(1):53-5.
  33. Strause L, Saltman P, Smith KT, et al. Spinal bone loss in postmenopausal women supplemented with calcium and trace minerals. J Nutr. 1994 Jul;124(7):1060-4.
  34. Yamaguchi M. Role of nutritional zinc in the prevention of osteoporosis. Mol Cell Biochem. 2010 May;338(1-2):241-54.
  35. Yamaguchi M, Weitzmann MN. Zinc stimulates osteoblastogenesis and suppresses osteoclastogenesis by antagonizing NF-kappaB activation. Mol Cell Biochem. 2011 Sep;355(1-2):179-86.
  36. Lumachi F, Luisetto G, Basso SM, et al. Endocrine therapy of breast cancer. Curr Med Chem. 2011;18(4):513-22.
  37. Mazziotti G, Canalis E, Giustina A. Drug-induced osteoporosis: mechanisms and clinical implications. Am J Med. 2010 Oct;123(10):877-84.
  38. Briot K, Roux C. Drug-induced osteoporosis: beyond glucocorticoids. Curr Rheumatol Rep. 2008 Apr;10(2):102-9.
  39. Mirza F, Canalis E. Management of endocrine disease: Secondary osteoporosis: pathophysiology and management. Eur J Endocrinol. 2015 Sep;173(3):R131-51.
  40. Cranenburg EC, Schurgers LJ, Vermeer C. Vitamin K: the coagulation vitamin that became omnipotent. Thromb Haemost. 2007 Jul;98(1):120-5.
  41. Namba S, Yamaoka-Tojo M, Hashikata T, et al. Long-term warfarin therapy and biomarkers for osteoporosis and atherosclerosis. BBA Clin. 2015 Dec;4:76-80.
  42. Namba S, Yamaoka-Tojo M, Kakizaki R, et al. Effects on bone metabolism markers and arterial stiffness by switching to rivaroxaban from warfarin in patients with atrial fibrillation. Heart Vessels. 2017 Aug;32(8):977-82.
  43. Kopic S, Geibel JP. Gastric acid, calcium absorption, and their impact on bone health. Physiol Rev. 2013 Jan;93(1):189-268.
  44. El Asmar MS, Naoum JJ, Arbid EJ. Vitamin k dependent proteins and the role of vitamin k2 in the modulation of vascular calcification: a review. Oman Med J. 2014 May;29(3):172-7.
  45. van den Heuvel EG, van Schoor NM, Lips P, et al. Circulating uncarboxylated matrix Gla protein, a marker of vitamin K status, as a risk factor of cardiovascular disease. Maturitas. 2014 Feb;77(2):137-41.
  46. Harshman SG, Shea MK. The Role of Vitamin K in Chronic Aging Diseases: Inflammation, Cardiovascular Disease, and Osteoarthritis. Curr Nutr Rep. 2016 Jun;5(2):90-8.
  47. Plaza SM, Lamson DW. Vitamin K2 in bone metabolism and osteoporosis. Altern Med Rev. 2005 Mar;10(1):24-35.
#k2 #vitamine #osteoporosi #mk7